Disclaimer

Al fine di mantenere il blog nell'ambito di un confronto civile e costruttivo, tutti i commenti agli articoli espressi dai lettori verranno preventivamente valutati ed eventualmente moderati. La Redazione.

domenica 23 marzo 2014

Come sistemare le strade grazie alla lotta all'evasione.


Caro Direttore,
Attilio Befera, alla Commissione parlamentare sul federalismo fiscale, ha comunicato i risultati della collaborazione tra Stato ed enti locali nella lotta all’evasione; collaborazione che permette ai comuni di reperire nuove risorse in un momento di chiara difficoltà economica.
Giusto ricordare che la quota di compartecipazione sulle somme riscosse, inizialmente al 30%, è arrivata al 100% per il triennio 2012-2014.
E’ motivo di orgoglio sentire il direttore parlare di Bergamo (con Milano) in testa alla classifica con quasi 1 milione di euro recuperati. Un plauso quindi alla nostra città e alla sua amministrazione che non solo ha recuperato gettito, ma ha riportato quel minimo di equità di cui abbiamo tanto bisogno.
Come ha sottolineato Befera, l’85% dei comuni è collegato al portale Siatel con la possibilità di consultare tutte le informazioni contenute nell’anagrafe tributaria. Dalle dichiarazioni dei redditi, ai bonifici bancari per le ristrutturazioni; dai modelli di versamenti alle utenze elettriche, dagli studi di settore ai dati sulle successioni. Purtroppo sono stati solo 900 (su 8.057) i comuni che hanno collaborato con l’Agenzia delle Entrate.
E gli altri? E tutti i comuni bergamaschi? A parte poche eccezioni si sono distinti solo per “la lotta all’evasione va bene, ma occhio perché gli evasori votano” e giù a lamentarsi del patto di stabilità. Invece avrebbero dovuto prendere esempio dal comune di Castel San Pietro Terme in provincia di Bologna che con i suoi 20.000 abitanti è riuscito a recuperare ben 530.000 euro.
Recupero che ha permesso agli amministratori di riprogrammare i loro investimenti e, come riportato sul loro sito, “dalla lotta all’evasione avremo risorse per casa, scuola e manutenzioni”. Un invito quindi ai cittadini bergamaschi per le prossime amministrative. Se il vostro sindaco non ha utilizzato questo strumento per recuperare risorse, votatelo subito, immantinente, senza aspettare la tornata elettorale.
Nel senso di metterci una croce sopra e chi si è visto si è visto.

Un caro saluto

Johannes Bückler

23 MArzo 2014 - Corriere della Sera - Bergamo - Leggi qui >>>>>

Nessun commento:

Posta un commento